Top
Dove sono i dolci di Natale dell’Edenista? Finalmente tutta la verità.

EDENISTA LIVE.

Buongiorno miei cari golosi, oggi sono reduce da un’esperienza piuttosto singolare. Sono stato ospite in un talk show! So cosa state pensando, queste “comparsate” sono molto lontane dal mio stile sobrio e sofisticato, ma le richieste di reperibilità dei miei Dolci di Natale erano davvero troppe e così Ladislao, il mio social media manager che mi dà una mano con la pagina Facebook, mi ha consigliato un atto plateale per raggiungere un pubblico più vasto. Quindi ho, ahi noi, ceduto a uno degli insistenti inviti di una nota presentatrice TV e mi sono ritrovato, di domenica pomeriggio, a dover rinunciare al mio tè con tripla fetta di dolce, per rispondere a quesiti che nemmeno quell’impicciona della signora Cristini mi avrebbe mai posto!

 

E insomma, arrivo lì e vedo la scaletta degli ospiti di quel pomeriggio: casi della cronaca più nera e storie strappalacrime si sarebbero alternati a trenini, neo coppie, ex coppie, quasi coppie, maghi, canzoni e naturalmente tanta incredibile immotivata allegria. Io mi collocavo più o meno a metà programma, tra la misteriosa scomparsa di una casalinga di Voghera che era uscita per fare la spesa e non era più tornata (si era poi scoperto che si era fermata per giorni a leggere l’etichetta di uno shampoo piena di parole inglesi che non capiva) e il matrimonio in mondovisione della donna più baffuta del mondo (che si chiama Mario).

 

Quando finalmente arriva il mio turno, entro in studio tra fragorosi applausi e mi accomodo su una poltrona bianca in attesa che la conduttrice inizi altrettanto fragorosamente il suo show:

 

– Finalmenteee! Finalmente abbiamo addirittura l’Edenista qui in studiooo! E abbiamo avuto questo onore in esclusivaaa! Pensate che siamo l’unica trasmissione in cui ha accettato di interveniiire. Ma ricordiamo subito chi è e da dove viene l’Edenista. (Parte in sottofondo una musica triste) Eh sì, perché dopo un’infanzia difficile, in cui un padre severissimo e una madre autoritaria gli negavano i dolci…
– Ehm, grazie della bellissima presentazione Barbara, ma (si interrompe all’improvviso la musica triste) mi vedo purtroppo costretto a correggerla. La mia infanzia è stata molto felice e i miei genitori mi amavano. Avevo solo qualche piccola intolleranza che…
– E quindi ricordiaaamolo (riparte in sottofondo una musica triste), la passione dell’Edenista per i dolci, incoraggiata dall’amore di mamma e papà, è iniziata tuttavia nelle condizioni più uuumili. Infatti l’Edenista era costretto a vendere i primi dolcetti per strada…
– Perdonami, Barbara, devo di nuovo correggerti. La mia famiglia non era povera ma nemmeno ricchissima, eravamo nella media. E la mia passione per i dolci è nata perché…
– Perché da giovane, come accade spesso, ha iniziato a frequentare cattive compagnie che l’hanno portata sulla cattiva straaada. E infatti è così che iniziò ad abusare di droooghe!
– Oddio, droghe… ho abusato sicuramente di cacao, ma non la definirei una dro…
– E questa vita dissoluuuta, fatta di eccessi e di perversioooni, si è fermata solo con la morte del suo amato maggiordomo, Alfreeed!
– Ma no! Alfred è vivo e vegeto e mi aspetta a casa! Cosa dice?!
– Ma insomma, Edenista, lei ce l’avrà nella sua vita uno straccio di dramma!

– Beh, sì, solo uno. Piccolo. Non riesco a essere contemporaneamente in tutti i negozi in cui hanno i miei Dolci di Natale per poterlo dire ai miei amati golosi. Quando ero piccolo avevo chiesto a Babbo Natale il dono dell’ubiquità, ma non me lo ha mai portato (riparte la musica triste, il pubblico in studio a stento trattiene le lacrime). Quello sciagurato – pensi che ancora glielo rinfaccio – ha avuto il coraggio di dirmi che lo avevano terminato! Poi però a Natale puntualmente mi scrive la letterina per avere i suoi dolci, e io, che sono buono, glielo do sempre!
– Capisco, è terribile.
– Ma torniamo ai miei golosi. Ogni giorno, da qualsiasi angolo d’Italia, mi chiedono insistentemente dove possono trovare i miei Dolci di Natale e purtroppo io non posso dare loro una risposta che sarebbe così semplice se non fosse così complicata!
– Certo, le sono vicina.
– Tuttavia, con Paluani, che come lei ben sa produce i miei dolci, abbiamo inventato un piccolo stratagemma che dovrebbe soddisfare tutti. Si tratta di un semplice modulo che chiunque può compilare indicando la località in cui cerca il Dolce. E così, in pochissimo tempo, sarà possibile ricevere la risposta via email e trovarlo. Non è meraviglioso?

 

Su quelle parole e gli applausi scroscianti del pubblico in studio si è chiusa la mia intervista, che poi ho tristemente scoperto non essere mai stata messa in onda. Voci di corridoio mi hanno informato che se non hai da riferire storie che contengano sesso, droga, rock&roll o preferibilmente una combinazione di questi 3 elementi, lo share non gradisce. Peccato. Ho quindi deciso di raccontare qui quest’avventura per mettervi a parte di questo metodo innovativo e farvi conoscere l’ubicazione dei miei dolci direttamente da Paluani.

Ora perdonatemi ma è l’ora della merenda e ho invitato Mario, la donna più baffuta del mondo, con cui abbiamo stretto subito una grande amicizia. A bientot!