Top
Ho scoperto il miglior bed and breakfast di Balmoral!

Anonimo Edenista – parte 2

Rieccomi nel prosieguo della mia recensione sul Terrificant Insult To The Misery Luxury Resort&Spa di Balmoral, UK.
 
È trascorsa quasi una settimana, ma l’incubo non sembra avere fine. Avevo deciso di resistere comunque qui perché spostare di nuovo il mio adorato baldacchino in un altro hotel sarebbe stato troppo complicato. E poi stavo imparando a considerare la mia camera un posto sicuro dagli inquietanti ospiti e dal sinistro personale dell’albergo.
 

La radio che si accendeva da sola, trasmettendo “I got you babe” di Sonny e Cher ogni notte alle 6 in punto, si è rivelata una temibile radiosveglia impostata a quell’ora dalla madre di Mister Bates, il direttore dell’hotel. La cosa, oltre a darmi una strana impressione di rivivere ogni mattina sempre lo stesso giorno, ha completamente rovinato il mio abituale sonno di bellezza che dura almeno fino a mezzodì.


 
La signora Bates è la vecchia proprietaria dell’hotel e pare avere delle strane fissazioni.
 
Oltre a svegliare a notte fonda i suoi ospiti, se ne sta chiusa in camera sua tutto il giorno ed esce solo di notte. Prima del tramonto la si può intravedere, attraverso la finestra della sua stanza al secondo piano, sulla sedia a dondolo che va su e giù. Non so perché, ma questo mi ricorda qualcosa di spiacevole. Ah, Alfred, perché non sei qui a proteggermi?!
 
Insomma, ho resistito fino ieri sera, quando sono arrivato all’ultima goccia, letteralmente. Stavo facendo tranquillamente una doccia, quando attraverso la tendina vedo una sagoma nera che sembra armata di coltello. Ed era proprio un coltello!
 
Era il direttore, Mister Bates, travestito da sua madre che mi stava tagliando una fetta del mio dolce di Pasqua e voleva sapere quando e dove ne avrebbe potuti trovare altri.

E no! Anche in vacanza no! E poi mentre sono sotto la doccia!!

A quel punto ho deciso di dire addio al Terrificant e andare in una tranquilla pensioncina gestita da due amabili vecchiette, di cui Lilibeth mi aveva parlato benissimo.
 
Ho messo in valigia pantofole, vestaglia, carta igienica e letto a baldacchino e sono andato a stare dalle signorine Abby e Martha Brewster, proprietarie di un delizioso cottage da queste parti. Sono simpaticissime. Hanno anche un fratello, Mortimer, un po’ matto che crede di essere Theodore Roosvelt.
 
Ora vi lascio perché le signorine mi hanno invitato in salotto ad assaggiare un ottimo vino di sambuco fatto da loro e non voglio farle aspettare.