Top
Come rispondere all'amico che ti vuole portare in palestra.

Come rispondere all’amico che ti vuole portare in palestra.

Ecco, ogni gennaio la stessa storia.
Non basta il fatto che le feste natalizie siano terminate. No, ci vogliono anche gli amici che insistono nel peggiorare la situazione parlando di d****, palestra e altre cose oscene.

 
Ora, a parte che la parola con la “D” non può essere pronunciata in mia presenza secondo il decreto regio del 1904 perché si rischia la pena da una settimana e a un mese di dolci forzati, non capisco questa voglia di fare tutto insieme.
 
D’altronde, in amor vince chi fugge. O sbaglio? Va bene, perdonami la battuta. Lo so che non sbaglio mai.

 
Dicevamo. Se in amor vince chi fugge e tu sei mio amico e mi vuoi bene, vai in palestra da solo e smettila di scrivermi messaggi. Il povero Alfred non ce la fa a servirmi la merenda e risponderti contemporaneamente: ti rendi conto del disagio che ci provochi?

 
Non fraintendermi, non ti giudico tanto per il fatto che tu voglia andare in palestra per tenerti in forma quanto per il fatto che tu non capisca che io sono bidimensionale. E bidimensionale è già una forma.
Hai idea delle calorie che consumo nel ridere o nel mandare baci in tutte quelle GIF? Oppure nel rispondere a tutti i vostri commenti? Ogni giorno sono costretto a fare 3 colazioni e quattro merende solo per non avere un calo di zuccheri. Altro che tapis roulant!
Lo so che pensi di farlo per me, e ti voglio bene anche per questo. Ma te ne vorrei molto di più se andassi in palestra da solo.
Dal canto mio, ti prometto che avrai tutto l’appoggio necessario.
 
Sarò orgoglioso di te mentre ti impegnerai durante il primo mese. E non ti giudicherò quando a febbraio inizierai a trovare mille scuse per non andare più.
 
Sogno un gennaio libero da latte, uova, grassi animali e palestra. Cortesemente, lasciami sognare in pace.
 
Amichevolmente tuo, L’Edenista